Personale di Giovanni Liboà

 

 

È un omaggio alle origini la personale di Giovanni Liboà che inaugurerà sabato 2 giugno al Castello e sarà visitabile fino a domenica 1 luglio.

Un omaggio al borgo dove è nato e dove ancora ha legami familiari, e alle montagne della provincia cuneese, con i suoi borghi antichi e le sue tradizioni rurali.

Giovanni Liboà si è infatti trasferito a Torino da bambino, mostrando fin da subito una spiccata predilezione per il disegno, tanto da cominciare a frequentare nei primi anni settanta il pittore Aldo Vanotto, che lo inizia alla lettura diretta delle opere dei grandi autori piemontesi e alla frequentazione delle gallerie.

La pittura di Giovanni Liboà è infatti fortemente legata alla tradizione figurativa piemontese della seconda metà dell’Ottocento, alla quale si è avvicinato - come da lui stesso dichiarato - «con doveroso rispetto e senza la presunzione di poter raggiungere la loro perfezione e maestria, ma solamente per cercare di imparare».

Un segno di onestà e schiettezza presente in tutte le sue opere, che ne svela l’umanità più profonda, fatta di amore per le tradizioni e per il mondo naturale, e di disagio per la modernità e le sue interferenze con le origini più vere dell’uomo.

L’inaugurazione, alla presenza dell’autore, si terrà alle ore 17,00 - Ingresso libero.

Please reload

In evidenza questo mese

Vita quotidiana casa Morozzo

September 23, 2019

1/3
Please reload

Articoli recenti

September 30, 2018

Please reload

Archivio
Please reload